C’era una volta, nel calcio dei tempi d’oro, che la nazionale che si riteneva più forte al mondo, sfidasse una selezione dei migliori calciatori al mondo in una partita dal sapore di sfida elettrizzante. È quanto sta accadendo nell’edizione 2019 di The Ice Challenge, dove i livignaschi, giovani e senatori, si stanno imponendo nelle classifiche della serie bianca valida per il Campionato Italiano Velocità su Ghiaccio, gare in cui i valtellinesi la fanno da padrone.

LEGGI ANCHE: Alessio Bormolini, innevato re casalingo di The Ice Challenge 2019

Fratelli Bormolini

A cominciare dalla gara di casa a Livigno quando a vincere è stato il ventenne Alessio Bormolini con il fratello diciassettenne Michele in terza posizione. Due settimane dopo a Pragelato è soffiato il tifone Gigi Galli, autore di una gara che ha lasciato a bocca aperta avversari e pubblico per la spettacolarità con cui l’ex pilota della Mitsubishi nel mondiale rally ha gestito le danze ed i fratelli Bormolini in bella evidenza al secondo (a pari merito con Pistono) e quarto posto con Michele di un soffio davanti ad Alessio

Avversari agguerriti

Ma nella ripetizione di Pragelato (questa volta si correrà in senso antiorario) gli avversari stanno affilando le unghie. A cominciare da Ivan Carmellino, secondo in Valtellina e “solo” sesto a Pragelato per un problema meccanico nel finale di gara; per proseguire con Aldo Pistono, settimo in una gara difficile per problemi meccanici in Valtellina e secondo a Pragelato, nonché vincitore del Master King pomeridiano. Senza dimenticare Matteo Antonazzo, decisamente positivo con il quarto posto di Livigno e la famiglia Bicciato che ha colto la sesta posizione assoluta con il giovane Lukas a Livigno e la quinta a Pragelato con papà Rudi. Ma non finisce qui. A Pragelato sono molto attesi attori importanti come Giovanni Saracco, settimo a Livigno, Sergio Durante, vincitore del Master King di Livigno e Luciano Cobbe che, appiedato da una toccata in Valtellina, si è rifatto a Pragelato presentandosi addirittura con due vetture e la golden lady Mara Capella che a Pragelato ha ritrovato il giusto gusto delle gare su ghiaccio. Cercheranno la rivincita anche Gianluca e Gabriele Casadei per il momento ancora non a proprio agio sul manto ghiacciato. Ed ancora i Kart Cross, con Christian Tiramani e Simone Firenze vincitori rispettivamente delle gare di Livigno e Pragelato e Armando Bracco, sfortunato in Valtellina, ma tenace inseguitore di Firenze in Val Chisone. Questa è la punta dell’iceberg, ma sono numerosi i piloti che hanno lavorato duramente in questa pausa per consentire la presenza ad Automotoracing per essere competitivi; senza dimenticare che c’è chi ha terminato la sua vettura e a Pragelato, il 10 febbraio, farà il suo esordio stagionale.

Leggi anche:  Dissesto idrogeologico, finanziati tre interventi in Valtellina

Gare

La struttura delle gare è pressoché immutata rispetto alle scorse stagioni con verifiche sportive e tecniche il sabato nella mattinata di sabato, con prove libere e qualifiche nel pomeriggio dalle ore 16.00, mentre la domenica si svolgerà il Warm-Up, la batteria di qualificazione e le tre manche di gara, cui farà seguito nell’immediato pomeriggio il Master King, la spettacolare sfida ruota contro ruota riservata ai piloti più veloci della giornata. Come sempre della sfida finale saranno protagoniste le vetture delle gare della mattinata, siano esse a quattro ruote motrici (Prototipi, Gruppi ed N), due ruote motrici, che hanno entusiasmato piloti e pubblico, come previsto dal regolamento della serie, pubblicato sul sito www.icechallenge.it che offre tutte le informazioni sulla serie ghiacciata.

Il calendario

12-13 gennaio: Livigno (SO) , coefficiente 1

26-27 gennaio: Pragelato (TO) , coefficiente 1

9-10 febbraio: Pragelato (TO) , coefficiente 1,5

16-17 febbraio: Serre Chevalier (Francia), coefficiente 2