Bella serata in compagnia sui sentieri del Trofeo Vanoni giovedì 20 settembre per il Running day powered by Crazy Idea Morbegno.

40 runners

Scarpe Scott ai piedi, con le ultime novità presentate da Mario Poletti (uno che il Vanoni l’ha scorso in 32’06”), più di 40 runners son partiti dal centro di Morbegno di buona lena per iniziare a scaldare i muscoli e testare la condizione in vista dell’appuntamento clou di fine stagione: il 61° Trofeo Vanoni che si svolgerà domenica 28 ottobre (sempre la quarta domenica di ottobre). Donne e giovani, guidati dal segretario del CSI Morbegno Matteo Franzi e dagli allenatori del settore giovanile Carlo Leoni e Fabio Bongio hanno affrontato il percorso del Vanoni femminile, 5 km con un dislivello di 248 metri

C’era anche Alice Gaggi

Gli uomini, capeggiati dal vicepresidente dei diavoli rossi Marco Leoni (personal best al Vanoni 30’49”) e da Giovanni Tacchini (PB 31’25”), sono saliti fino ad Arzo lungo il percorso della gara maschile: 7,25 km e un dislivello positivo di 435 metri. Alla fine rinfresco in compagnia e scambio di commenti e sensazioni dopo questa prima uscita collettiva. Presente all’iniziativa anche la campionessa Alice Gaggi che di Vanoni ne ha vinti due e che l’anno scorso su questi sentieri ha fatto suo il titolo italiano di corsa in montagna a staffetta.

Leggi anche:  Emergenza caldo, la Croce Rossa di Morbegno in aiuto ai cittadini bisognosi

LEGGI ANCHE: Trofeo Vanoni: emozioni da rivivere IL VIDEO

Luoghi simbolo del Trofeo Vanoni

Piazza 3 fontane, Cimacase, la via Priula, il Tempietto, il Dosso, Arzo, i Bellini, il mitico salto, la via Vanoni. Questi i luoghi simbolo di un evento sportivo che richiama ogni anno quasi 1000 atleti dall’Italia e dall’Europa, ma soprattutto è nel cuore di tantissimi appassionati di corsa in montagna e della gente di Morbegno, oltre che un pezzo importante nella storia di questa disciplina sportiva. Iniziate a caricarvi riguardando la video-sintesi della 60esima edizione su www.trofeovanoni.it, poi scarpe ai piedi e via….per correrlo il Vanoni o anche solo per fare una bella passeggiata sul versante orobico in cerca di funghi e castagne….basta seguire le frecce rosse!