Il XXXIV Trofeo Zangrando di ciclismo, gara a coppie cronometrata di 11,9 km tra Bormio e Valdisotto, si è regolarmente disputata domenica 15 settembre 2019 con la partecipazione di 58 coppie.

Trofeo Zangrando a Bormio

La manifestazione, che conclude la stagione ciclistica dell’US Bormiese, ha potuto beneficiare di una giornata splendida e calda che ha invogliato molta gente a partecipare e persino alcuni bambini hanno voluto sperimentare il percorso, particolarmente impegnativo nel tratto finale della piana dell’Alù (sempre ventilata e con leggera pendenza). Daniele Schena (US Bormiese) si conferma l’uomo da battere: in questa edizione si afferma in coppia con Erminio Marco Angeli (Asd Grosio Ciclismo) con un ottimo 15.50,5 ma resta ancora inviolato il record del 2016 che lo stesso Schena stabilì in coppia con Donei (15.29,08). Seconda piazza per l’Alta Valtellina Bike con il duo Pedranzini (Denis e Federico), che ferma il cronometro a 16.15,07, mentre la coppia Matteo Mazza-Matteo Moltoni regala la terza posizione al team Paredi. Come sempre numerosi anche gli amici di altre società che non hanno voluto perdersi la corsa, assai apprezzata anche per il dopo-gara.

Ecco le classiche: CLASSIFICA SOCIETA’_ZANGRANDO 2019CLASSIFICHE FASCIA A e B_ZANGRANDO 2019CLASSIFICA ASSOLUTA_ZANGRANDO 2019CLASSIFICA CICLOTURISTI_ZANGRANDO 2019

Cicloturistica

Nella categoria “Cicloturistica”, per non tesserati, il trofeo Zangrando registra una bella presenza di atleti o ex atleti, non necessariamente appartenenti solo al mondo del ciclismo. Accanto a Marco Saligari (ex professionista vincitore di 3 tappe del Giro d’Italia nonché di altre classiche del ciclismo, commentatore televisivo Rai e Sky) si sono messi alla prova Daniele Cantoni (passato quest’anno alla Delio Gallina dopo aver fatto parte della Fondazione Contador Polartec-Kometa) e poi tanti giovani, soprattutto dello short track bormino, che si sono già distinti nella loro disciplina… Non possiamo, infine, non citare le “mascotte” di questa giornata ovvero Luca Angeli (2011), Nicolò Gianatti (2011), Elisa Bianchini (2012) e Riccardo Scarcella (2013), che tutti e quattro assieme toccano appena i 29 anni!! Affiancati dai genitori hanno portato a termine la loro fatica, con l’orgoglio di aver affrontato e concluso lo stesso compito degli adulti.

Leggi anche:  Non fallisce la Pezzini e supera il Basketown per 77-73

Premio “Quiro e Crapa”

Due, infine, i premi speciali assegnati: Manuela Rezzoli ha ricevuto il premio “Quiro e Crapa” intitolato alla memoria di Quirino Pedrana e Carlo Bedognè “per l’impegno e la dedizione costante ed immutata negli anni per il ciclismo; a Stefano “Pagno” Pagnini, invece, il premio alla memoria di Angelo Zangrando “per la passione e l’amore per il ciclismo” che ha dimostrato nelle ultime sue imprese da randagio.

Angelo Zangrando

La famiglia Zangrando, da sempre unita e presente nel ricordo di papà Angelo, si è schierata al cancelletto di partenza con figli, nipoti e parenti vari; tutti pronti a dare il meglio sui pedali, tanto che la partenza particolarmente energica è costata a Stefano “Spidi” Zangrando la rottura di una pedivella! La prova era valida anche come Trofeo Hotel Funivia per coppie miste, assegnato rispettivamente a Oriana Maria Marelli-Fabrizio Duca, Federico Rinaldi-Veronica Confortola, Cecilia Confortola-Nicolò Perego.

Al termine della competizione il momento atteso del pranzo, sempre ricco e curato, quindi le premiazioni finali, con il saluto del presidente Mario Zangrando: è sempre un piacere vedere ancora tanta partecipazione dopo 34 anni, speriamo che la giornata sia stata di gradimento per tutti. Gli fa eco Marco Saligari: sono ormai 3 anni che partecipo a questa cronometro, trovo molto bello lo spirito goliardico che si respira, una festa in cui c’è spazio per tutti dai bambini agli agonisti. Se fosse per me, adotterei sempre il criterio della coppia mista in modo da renderla ancora più “imprevedibile” ed aperta”. E chissà, magari nelle sue telecronache potrebbe ricordarsi anche delle sue pedalate alla Zangrando!